Trame, le forme del rame tra arte contemporanea, design, tecnologia ed architettura. Ultimi giorni per vedere la mostra alla Triennale di Milano fino al 9 novembre.

Una mostra interamente dedicata al rame: materiale apprezzato per la sua applicazione industriale ma anche per la sua dimensione artigiana ed artistica.

ManifestoIl rame è un metallo resistente ma anche allo stesso tempo duttile e malleabile, cambia con il tempo come fosse un essere vivente. La sua fioritura verde lo rende ancora più bello nel tempo.

1La sezione dedicata all’arte contemporanea propone una selezione di opere di artisti internazionali dagli anni ’60 ad oggi che hanno apprezzato il rame come materiale dalle molteplici qualità: Lucio Fontana, Joseph Beuys, Pier Paolo Calzolari, Luciano Fabro, Marisa Merz, Remo Salvadori…

235Molto bella quest’opera di Laurent Grasso: il materiale lucente e riflettente crea attorno a sé un’aura quasi ipnotica.

6Una sezione più scientifica è dedicata alle applicazioni del rame nella tecnologia ed al largo impiego nell’elettronica. Da qui le radici per l’intero settore dell’informatica fin dal calcolatore Olivetti ELEA 9003 del 1956, il primo elaboratore commerciale realizzato in Italia e tra i primi al mondo. Per realizzare questo calcolatore non fu tralasciato nemmeno il design, in pieno stile Olivetti, disegnato da Ettore Sottsass che con questo progetto vinse il Compasso d’Oro nel 1957.

78 (1)Il rame è ovunque fin dai tempi antichi: gli egizi costruirono le piramidi con strumenti in rame e bronzo, le stesse Caravelle di Cristoforo Colombo erano dotate di scafi rivestiti in rame, i barili per la fermentazione della birra sono in rame perché permette di rimuovere i composti dello zolfo che ne altererebbero il sapore, la Statua della Libertà è ricoperta da 31 tonnellate di rame, la maggior quantità mai utilizzata per un’unica struttura.

20Molto bello l’allestimento della sezione dedicata al design: qui è il rame nel suo colore originale a farla da padrone. Le qualità estetiche e tecniche di questo meraviglioso materiale hanno sempre dato grande contributo al design. Dai gioielli agli oggetti d’uso, arredi e lampade.

91112È forse nell’illuminazione che il rame mostra le sue molteplici caratteristiche, il colore caldo, la superficie lucida e riflettente ma anche allo stesso tempo la straordinaria conducibilità del materiale. Da qui nascono ingegnosissime lampade come quelle di Alvaro Catalán de Ocón dove la lampadina accesa è semplicemente appoggiata alla base in rame e legno.

161017È bello ritrovare in mostre istituzionali giovani designer che ho conosciuto all’ultimo Fuori Salone come Pia Wüstenberg con i suoi vasi in vetro, legno e rame, o come gli olandesi Ontwerpduo, al fianco di designer storici come Paolo de Poli, vero maestro del rame.

131415Presente anche una sezione dedicata alle applicazioni del rame nell’architettura. Per noi milanesi c’è il modellino in rame della Torre Velasca, oltre ad altri modellini celebri come il Museo di Storia di Berlino di Aldo Rossi ed al complesso Leça Swimming Pools di Álvaro Siza ed il National Heritage Museum di Mecanoo Architecten, Paesi Bassi.

1819La mostra chiude domenica, può essere un’idea per scappare alla pioggia che è prevista a Milano per tutto il week-end!